Piccolo mondo antico e tempi moderni

Carosello Sigla

Bilancio di un’epoca

Un noi che… di rimpianti?

Carosello Sigla

Latte, burro e uova

1950: Vai a prendere il latte dal lattaio, che ti saluta, con in mano il bidone in alluminio; prendi il burro fatto con latte di mucca, tagliato a panetti. Poi chiedi una dozzina di uova che sono messe in un vaso di vetro. Paghi con il sorriso della lattaia ed esci sotto il sole splendente. Il tutto ha richiesto 10 minuti di tempo.

2010: Prendi un carrello del cavolo, che ha una ruota bloccata, che lo fa andare in tutti i sensi salvo in quello che tu vorresti, passi per la porta che dovrebbe girare, ma che è bloccata perché un cretino l’ha spinta; poi cerchi il settore latticini, dove normalmente ti ghiacci e cerchi di scegliere fra 12 marche di burro, che dovrebbe essere fatto a base di latte comunitario. E controlli la data di scadenza…. Per il latte: devi scegliere fra vitaminico, intero, scremato, nutriente, per bambini, per malati o magari in promozione, ma con la data di scadenza ed i componenti…. Lasciamo perdere! Per le uova: cerchi la data di deposizione, il nome della ditta e soprattutto verifichi che nessun uovo sia incrinato o rotto e, accidenti!!! Ti ritrovi i pantaloni sporchi di giallo! Fai la coda alla cassa, ma la cicciona davanti a te ha preso un articolo in promozione che non ha il codice…. allora aspetti e aspetti…. Poi sempre con questo carrello del cavolo, esci per prendere la tua auto sotto la pioggia, ma non la trovi perché hai dimenticato il numero della corsia…. Infine, dopo aver caricato l’auto, bisogna riportare l’arnese rotto e solo in quel momento ti accorgi che è impossibile recuperare la moneta…. Torni alla tua auto sotto la pioggia che è raddoppiata nel frattempo…. E’ più di un’ora che sei uscito.


 Fare un viaggio in aereo

1965: Viaggi con Alitalia, ti danno da mangiare e ti invitano a bere quello che vuoi, il tutto servito da bellissime hostess: il tuo sedile è talmente largo che ci può stare in due.

2010: Entri in aereo continuando ad impigliarti con la cintura, che ti hanno fatto togliere in dogana per passare il controllo. Ti siedi sul tuo sedile e se respiri un po’ forte dai una botta con il gomito allo schienale del vicino. Se hai sete lo stewart ti porta la lista e i prezzi sono stratosferici.


 Michele vuole andare nel bosco all’uscita da scuola. Mostra il suo coltellino a Giovanni, con il quale pensa di fabbricarsi una fionda.

1960: Il direttore scolastico vede il suo coltello e gli domanda dove l’ha comprato, per andarsene a comprare uno uguale.

2010: La scuola chiude, si chiama la polizia, che porta Michele in commissariato. Il TG1 presenta il caso durante il telegiornale in diretta dalla porta della scuola.


 Disciplina scolastica

1960: Fai il bullo in classe. Il professore ti molla una sberla. Quando arrivi a casa tuo padre te ne molla un altro paio.

2010: Fai il bullo. Il professore ti domanda scusa. Tuo padre ti compra una moto e va a spaccare la faccia al prof!


 Franco e Marco litigano. Si mollano qualche pugno dopo la scuola.

1960: Gli altri seguono lo scontro. Marco vince. I due si stringono la mano e sono amici per tutta la vita.

2010: La scuola chiude. Il TG1 denuncia la violenza scolastica. Il Corriere della Sera mette la notizia in prima pagina su 5 colonne.


 Enrico rompe il parabrezza di un auto nel quartiere. Suo padre sfila la cintura e gli fa capire come va la vita.

1960: Enrico farà più attenzione la prossima volta, diventa grande normalmente, fa degli studi, va all’università e diventa una bravo professionista.

2010: La polizia arresta il padre di Enrico per maltrattamenti sui minori. Enrico si unisce ad una banda di delinquenti. Lo psicologo arriva a convincere sua sorella che il padre abusava di lei e lo fa mettere in prigione.


 Giovanni cade dopo una corsa a piedi. Si ferisce il ginocchio e piange. La professoressa lo raggiunge, lo prende in braccio per confortarlo.

1960: In due minuti Giovanni sta meglio e continua la corsa.

2010: La prof è accusata di perversione su minori e si ritrova disoccupata, si becca 3 anni di prigione con la condizionale. Giovanni va in terapia per 5 anni. I suoi genitori chiedono i danni e gli interessi alla scuola per negligenza nella sorveglianza e alla professoressa per trauma emotivo. Vincono tutti i processi. La prof disoccupata è interdetta e si suicida gettandosi da un palazzo. Più tardi Giovanni morirà per overdose in una casa occupata.


 Arriva il 25 ottobre.

1960: Non succedeva nulla.

2010: E’ il giorno del cambio dell’ora legale: le persone soffrono d’insonnia e di depressione.


La fine delle vacanze.

1969: Dopo aver passato 15 giorni di vacanza con la famiglia, nella roulotte trainata da una Fiat 125, le vacanze terminano. Il giorno dopo si ritorna al lavoro freschi e riposati.

2010: Dopo 2 settimane alle Seychelles, ottenute a buon mercato grazie ai “buoni vacanze” ditta, rientri stanco ed esasperato a causa di 4 ore di attesa all’aeroporto, seguite da 12 ore di volo. Al lavoro ti ci vuole una settimana per riprenderti dal fuso orario.


 Come si dice: viviamo in un’epoca davvero formidabile!

Giuseppe per la società che muta

#722

 

L’Aura Abela – Eclissi del cuore

L'Aura Abela - Eclissi del cuore

L’Aura Abela - Eclissi del cuore


 L'Aura Abela - Eclissi del cuore

Bonnie Tyler
 Bonnie Tyler


Adoro questa canzone, sia nella versione originale di Bonnie Tyler che in quella tradotta in italiano da L’Aura Abela

Giuseppe per le cover fatte bene!

#599

 

Toto – Africa

Toto - Africa  1982 - Toto IV   David Paich/ Jeff Porcaro/ Bobby Kimball

Toto – Africa

1982 – Toto IV  
David Paich/ Jeff Porcaro/ Bobby Kimball

 Toto - Africa  1982 - Toto IV   David Paich/ Jeff Porcaro/ Bobby Kimball


Africa – Testo inglese
I hear the drums echoing tonight
But she hears only whispers of some quiet conversation
She’s coming in 12:30 flight
The moonlit wings reflect the stars that guide me towards salvation
I stopped an old man along the way
Hoping to find some long forgotten words or ancient melodies
He turned to me as if to say , “Hurry boy, it’s waiting there for you”
Chorus:
It’s gonna take a lot to drag me away from you
There’s nothing that a hundred men or more could ever do
I bless the rains down in Africa
Gonna take some time to do the things we never had
The wild dogs cry out in the night
As they grow restless longing for some solitary company
I know that I must do what’s right
As sure as Kilimanjaro rises like Olympus above the Serangetti
I seek to cure what’s deep inside, frightened of this thing that I’ve become
Chorus: It’s gonna take…
Hurry boy, she’s waiting there for you
Chorus: It’s gonna take…
 
Africa – Traduzione in italiano
Sento l’eco dei tamburi stanotte
Lei sente solo il sussuro di quieti conversazioni
Lei sta arrivando con il volo delle 12:30
Le ali al chiaror di luna riflettono le stelle
Che mi guidano verso la salvezza
Ho fermato un anziano lungo la strada
Sperando di trovare alcune parole o melodie dimenticate da tempo
Lui si é voltato verso di me come per dire
Muoviti ragazzo, ti stà aspettando laggiù
Ritornello
Sarà difficile trascinarmi lontano da te
Non c’é niente che cento uomini o più potranno mai fare
Ho benedetto le piogge laggiù in Africa
Prenderò un pò di tempo per fare le cose che non abbiamo mai fatto
Cani selvatici ululano nella notte
Mentre crescono irrequieti desiderando qualche solitaria compagnia
So che devo fare la cosa giusta
Tanto sicuro quanto il Kilimanjaro si eleva
Come l’Olimpo sopra il Serangetti
Cerco di guarire ciò che é nel profondo
Impaurito da questa cosa che mi é arrivata
Rit.
Muoviti ragazzo, lei ti sta aspettando laggiù
Rit.

Toto - Africa

Toto – Africa

Giuseppe per il rock easy listining

#452

 

Love is

 Love is...... - L'amore è.....

 Love is…… – L’amore è…..

  Love is...... - L'amore è.....
 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 


 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

…quando sei nel sedile del conducente.

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 

…il sole che splende luminoso in una giornata piovosa.

 Love is...... - L'amore è..... Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 

…lasciare messaggi d’amore nel suo cassetto.

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 

…la ragione per cui siamo sulla terra.

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 

…contare sino a dieci prima di gridare.

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 

 Love is...... - L'amore è.....

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..

 Love is...... - L'amore è..... Love is…… – L’amore è…..


Ancora un tuffo nei mitici anni 70/80, chi non ricorda le famosissime figurine dell’amore è……


 

Giuseppe per love is……

#373

 

Noi che… gli anni 80

I love 80s

Noi che… gli anni 80


I love 80s

  • Noi che ci emozionavamo se salivamo anche solo su un autobus di linea.
  • Noi che ci superemozionavamo se dovevamo salire su un treno.
  • Noi che avevamo il deflettore sui finestrini anteriori della macchina.
  • Noi che credevamo che la nostra squadra era la più forte del mondo (anche gli interisti).
  • Noi che ci sdraiavamo sui prati.
  • Noi che tornavamo a casa regolarmente coi pantaloni sporchi d’erba.
  • Noi che vivevamo con ansia il giorno della foto di classe.
  • Noi che avevamo una sola maestra che insegnava tutto.
  • Noi che a scuola qualcuno ci andava ancora con la cartella squadrata di cartone a quadrettoni.
  • Noi che avevamo le replay i primi anni di scuola, e quando iniziavamo a scrivere con la bic usavamo la gomma rotonda blu con il buco in mezzo.
  • Noi che ci si sdraiava sul prato e si cercava di dar forme alle nuvole.
  • Noi che la mamma ci dava le 200 lire da dare in offerta alla messa della Domenica.
  • Noi che facevamo gli scherzi telefonici dalle cabine.
  • Noi che sfogliavamo i libri delle vacanze soltanto per sentire l’odore particolare della carta.
  • Noi che siamo anche andati alle colonie estive.
  • Noi che ci piaceva ancora lo zecchino d’oro.
  • Noi che abbiamo avuto il diario di Vitt.
  • Noi che con le 500 lire di carta compravamo un panino con la mortadella e la lattina della Fanta.
  • Noi che mangiavamo il ghiacciolo della puffetta al limone e di grande puffo alla fragola.
  • Noi che tornavamo a casa da scuola con le mani piene di scolorina e il tubetto tutto rovesciato nello zaino.
  • Noi che se ci cadeva un frutto per terra lo pulivamo e lo mangiavamo lo stesso.
  • Noi che odiavamo le rotelle sulla nostra prima bicicletta ma volevamo subito imparare ad impennare.
  • Noi che che..”il pallone è mio e decido io!”.
  • Noi che stavamo dietro casa a giocare “finchè non fa buio”..e poi non si vedeva nulla ma si stava fuori uguale.
  • Noi he non si mangiava mai fuori di casa, almeno che non ci fosse un compleanno.
  • Noi che a carnevale con cartoncino e elastico si faceva la maschera dell’uomo tigre (..e si diventava fortissimi!!).
  • Noi che a nascondino con “1 2 3 salva tutti” diventavi l’eroe del quartiere (..per dieci minuti).
  • Noi che andavamo a casa degli amici a fare i compiti, ma i compiti non li facevamo mai.
  • Noi che avevamo le macchinine con la bomboletta sulla parte anteriore che quando le buttavi contro il muro scoppiavano.
  • Noi che a scuola usavamo gli astucci che si aprivano a portafoglio e nei quali regolarmente si rompeva l’elastico che teneva la gomma o il temperino.
  • Noi che a scuola per la prova di scienze ci davano la patata da metter nel bicchiere e che germogliava.
  • Noi che dopo pranzo ci obbligavano a fare il riposino.
  • Noi che per giocare ai nostri videogiochi (come Pac Man) non era necessario avere una laurea come per quelli di oggi.
  • Noi che andavamo a scuola con la penna con l’inchiostro di 4 colori diversi e ci sentivamo fighi.
  • Noi che che facevamo gli aquiloni con la carta delle uova di Pasqua..che non hanno mai volato.
  • Noi che per fare i giri gratis sulle autine legavamo il gettone con un filo.
  • Noi che facevamo a gara a chi faceva il pallone più grosso col Cristalball.
  • Noi che invece di mandare gli sms facevamo le dediche alla radio.
  • Noi che giocavamo coi soldatini di plastica ma non facevamo morire mai nessuno.
  • Noi che la mamma ci diceva di non indossare i calzini col buco perchè “se ci succedeva qualcosa, sai che figura..”
  • Noi che ripetevamo coi modelli Bburago gli incidenti visti su Chips.
  • Noi che discutevamo di cosa avremmo fatto da grandi.
  • Noi che disegnavamo con i pastelli a cera e i pennarelli “Carioca”.
  • Noi che per pettinarci mettevamo la “gommina Simmons”.
  • Noi che avevamo i Masters con He-man e Skeletor.
  • Noi che guardavamo Tom e Jerry mangiando pane acqua e zucchero.
  • Noi che fra amici eravamo tutti caratterialmente diversi.
  • Noi che però IN FONDO SIAMO STATI TUTTI UGUALI…!
  • Noi…
  • Noi che che ora siamo qui a ricordare…
  • Noi che a scuola si andava a piedi.
  • Noi che scrivevamo tutti gli avvisi sul diario perdendo delle ore.
  • Noi che attaccavamo le gomme da masticare sotto il banco.
  • Noi che il diario ce lo tiravamo addosso, mentre le femmine ci scrivevano romanzi d’amore.
  • Noi che per andare alla gita scolastica di 5 giorni dovevamo preparare i genitori mesi prima.
  • Noi che se c’era la neve si restava alla finestra a guardarla.
  • Noi che come smetteva, allora TUTTI DI SOTTO!!!
  • Noi che non era Natale se alla tv non vedevamo la pubblicità della Coca Cola con l’albero.
  • Noi che le palline di natale erano di vetro e si rompevano.
  • Noi che tornavamo a casa solo quando la mamma ti chiamava dal terrazzo.
  • Noi che ai compleanni il regalo per il festeggiato ce lo sceglieva la mamma.
  • Noi che al nostro compleanno invitavamo tutti, ma proprio tutti, i nostri compagni di classe.
  • Noi che avevamo paura che qualche amico non venisse, ma poi c’erano tutti.
  • Noi che facevamo il gioco della bottiglia tutti seduti per terra.
  • Noi che alle feste stavamo sempre col manico di scopa in mano.
  • Noi che a carnevale la mamma ci obbligava a vestirci da Zorro.
  • Noi che facevamo sogni brutti.
  • Noi che ti svegliavi col battito di cuore a mille.
  • Noi che dormivamo con la luce del corridoio accesa.
  • Noi che dal letto guardavamo se c’era qualcuno nel buio dietro la finestra.
  • Noi che andavamo a letto dopo Carosello.
  • Noi che se guardavamo tutto il film delle 20:30 eravamo andati a dormire tardissimo.
  • Noi che guardavamo film dell’orrore anche se avevi paura.
  • Noi che poi non dormivamo per una settimana.
  • Noi che andavamo a letto con le scarpette di lana e il pigiama di flanella.
  • Noi che leggevamo Geppo, Tiramolla, Bullo e Birillo, Soldino e Nonna Abelarda.
  • Noi che vendevamo i vecchi giornalini di Topolino sotto casa.
  • Noi che rubavamo la frutta dagli alberi.
  • Noi che la rubavamo anche se non ti andava di mangiarla.
  • Noi che quella che non mangiavamo ce la tiravamo.
  • Noi che giocavamo a calcio con le pigne.
  • Noi che le pigne ce le tiravamo pure.
  • Noi che suonavamo ai campanelli e poi scappavamo.
  • Noi che giocavamo con la cerbottana a chi lanciava lo stucco più lontano e poi ce lo sparavamo addosso.
  • Noi che nelle foto delle gite facevamo le corna e eravamo sempre sorridenti.
  • Noi che il bagno si poteva fare solo dopo le 4.
  • Noi che a scuola andavamo con cartelle da 2 quintali.
  • Noi che quando a scuola c’era l’ora di ginnastica partivamo da casa in tuta.
  • Noi che le ricerche le facevamo in biblioteca, mica su Google.
  • Noi che avevamo “il libro delle vacanze”, ma i compiti d’estate non li facevamo.
  • Noi che le poesie non le volevamo imparare.
  • Noi che però sappiamo a memoria “Zoff Gentile Cabrini Oriali Collovati Scirea Conti Tardelli Rossi Antognoni Graziani (allenatore Bearzot)”.
  • Noi che abbiamo pianto quando l’Italia ha perso contro l’Argentina a Napoli.
  • Noi che “Disastro di Cernobyl” vuol dire che non potevamo bere il latte alla mattina.
  • Noi che compravamo le uova sfuse, e la pizza alta un dito, con la carta del pane che si impregnava d’olio.
  • Noi che non sapevamo cos’era la morale, solo che era sempre quella..fai merenda con Girella.
  • Noi che a pranzo mangiavamo poco e a merenda divoravamo scaffali di brioches.
  • Noi che campavamo di Girella e saccottini del Mulino Bianco.
  • Noi che a volte a merenda mangiavamo anche pane, acqua e zucchero, o pane, olio e sale o pane e marmellata.
  • Noi che se la mamma ci comprava il gelato, era il Cucciolone, così con il biscotto era più nutriente.
  • Noi che bevevamo esclusivamente il Billy.
  • Noi che compravamo gli ovetti kinder per trovare il puffo falegname.
  • Noi che di politica non ce ne fregava niente.
  • Noi che conoscevamo solo il Presidente della Repubblica perchè c’era la sua foto in classe.
  • Noi che avevamo la calcolatrice nell’orologio al quarzo.
  • Noi che del mondo politico conoscevamo anche Spadolini solo perchè era grassissimo.
  • Noi che i politici non li conoscevamo, ma Gennaro Ulivieri e Guido Pancaldi, si.
  • Noi che eravamo preoccupati che l’uomo a mollo della pubblicità avesse i reumatismi.
  • Noi che non c’erano grandi fratelli, isole dei famosi e fattorie..
  • Noi che indossavamo maglie che pizzicavano.
  • Noi che nei giorni importanti ci vestivano con le calze bianche.
  • Noi che le calze bianche le odiavamo perchè erano strettissime.
  • Noi che quando toglievamo le calze ci lasciavano un segno mostruoso sul polpaccio.
  • Noi che per la comunione ci regalavano i compassi e le calcolatrici.
  • Noi che avevamo la penna con l’inchiostro cancellabile.
  • Noi che avevamo il mappamondo con la luce dentro.
  • Noi che la mamma ci metteva le toppe sui gomiti dei maglioni quando diventavamo lisi.
  • Noi che le toppe le volevamo mettere anche quando i maglioni erano nuovi.
  • Noi che avevamo tutti i capelli corti a spazzola.
  • Noi che a volte ci pettinavamo.
  • Noi che odiavamo il minestrone.
  • Noi che non sapevamo leggere l’orologio a lancette.
  • Noi che però sapevamo che erano le 4 perchè stava per iniziare BIM BUM BAM.
  • Noi che sapevamo che ormai era pronta la cena perchè c’era Happy Days.
  • Noi che il primo novembre era “Tutti i santi”, mica Halloween.
  • Noi che giocavamo a Nascondino a tutte le ore.
  • Noi che ci divertivamo anche facendo “Strega comanda color…”.
  • Noi che le femmine ci obbligavano a giocare a “Regina reginella” e a “Campana”.
  • Noi che bastavano due tappi per iniziare il giro d’Italia.
  • Noi che facevamo “Palla Avvelenata”.
  • Noi che giocavamo regolare a “Ruba Bandiera”.
  • Noi che non mancava neanche “dire fare baciare lettera testamento”.
  • Noi che litigavamo per stabilire se un gradino valeva come “rialzo” a “Rialzo buzzico”.
  • Noi che ci sentivamo ricchi se avevamo “Parco Della Vittoria e Viale dei Giardini”.
  • Noi che se avevi “Vicolo Corto e Vicolo Stretto” perdevi sicuro.
  • Noi che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.
  • Noi che mettevamo le carte da gioco con le mollette sui raggi della bicicletta.
  • Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più figo.
  • Noi che “se ti faccio fare un giro con la bici nuova non devi cambiare le marce”.
  • Noi che passavamo ore a cercare i buchi sulle camere d’aria mettendole in una bacinella.
  • Noi che ci sentivamo ingegneri quando riparavamo quei buchi col tip-top.
  • Noi che andavamo in due sulla Graziella, e piú grandi sul Ciao.
  • Noi che il Ciao si accendeva pedalando.
  • Noi che suonavamo al campanello per chiedere se c’era l’amico in casa.
  • Noi che ogni volta che suonavamo rispondeva la madre.
  • Noi che pensavamo di avere segreti.
  • Noi che i segreti li avevamo davvero.
  • Noi che abbiamo maneggiato sostanze chimiche come il pongo, il DAS e la gommapane.
  • Noi che abbiamo manipolato anche la MIKRONITE.
  • Noi che facevamo a gara a chi masticava più big babol contemporaneamente.
  • Noi che avevamo adottato gatti e cani randagi che non ci hanno mai attaccato nessuna malattia mortale anche se dopo averli accarezzati ci mettevamo le dita in bocca.
  • Noi che quando starnutivi, nessuno chiamava l’ambulanza.
  • Noi che non sapevamo leggere il termometro.
  • Noi che prima di adoperarlo, “il termometro lo devi scaricare”.
  • Noi che i termometri li rompevamo, e le palline di mercurio giravano per tutta casa.
  • Noi che se sospettavamo che ci volevano fare la puntura, ci nascondevamo sotto il letto.
  • Noi che se c’era un pallone e 4 alberi era già tutto ok per giocare a calcio.
  • Noi che se non c’erano gli alberi si giocava lo stesso.
  • Noi che dopo la prima partita c’era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella..
  • Noi che se passavamo la palla al portiere coi piedi e lui la prendeva con le mani non era fallo.
  • Noi che il portiere era l’1, lo stopper era il 5 e il centravanti il 9.
  • Noi che “Non puoi giocare a pallone con noi perchè siamo già pari”.
  • Noi che non dovevamo far tardi.
  • Noi che era pronta la cena proprio al momento del calcio di rigore.
  • Noi che giocavamo a pallone anche in casa, con la palla di spugna.
  • Noi che passavamo pomeriggi giocando a Risiko.
  • Noi che giocavamo a “Indovina Chi?” anche se conoscevi tutti i personaggi a memoria.
  • Noi che giocavamo a Forza 4.
  • Noi che Scarabeo non ci piaceva.
  • Noi che il cubo di Rubik non l’abbiamo mai finito, perlomeno senza barare..
  • Noi che ci scambiavamo le figurine prima delle lezioni (e durante, e dopo..).
  • Noi che giocavamo a fiori frutta e città (e la città con la D era sempre Domodossola).
  • Noi che con le 500 lire di carta ci venivano 10 pacchetti di figurine.
  • Noi che ci mancavano sempre quattro figurine per finire l’album Panini.
  • Noi che odiavamo i PlayMobil.
  • Noi che avevamo la pista Polistil, e le femmine Cicciobello col disco che frignava.
  • Noi che avevamo le macchine filoguidate, e le femmine la casa di Barbie con l’ascensore.
  • Noi che ci spaccavamo i diti per giocare a Subbuteo.
  • Noi che con un ramo di salice facevamo l’arco per sentirci Orzowei.
  • Noi che avevamo il “nascondiglio segreto” con il “passaggio segreto”.
  • Noi che nei prati al buio tra il frinire delle cicale scorgevamo ancora le lucciole (e non sapevamo sarebbero state le ultime).
  • Noi che a volte si litigava.
  • Noi che 5 minuti dopo era già tutto dimenticato..
  • Noi che “se fai questo non sei più amico mio”.
  • Noi che giocavamo per ore a “Merda” con le carte.
  • Noi che nessuno sapeva le regole del Tresette!
  • Noi che avevamo il mangiadischi schiacciato con il manico.
  • Noi che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la penna.
  • Noi che in TV guardavamo solo i cartoni animati.
  • Noi che avevamo i cartoni animati belli…!!
  • Noi cha avevamo la tv in bianco e nero.
  • Noi che litigavamo su chi fosse più forte tra Goldrake e Mazinga (Mazinga, ovvio..)
  • Noi che guardavamo “La Casa Nella Prateria” anche se metteva tristezza.
  • Noi che sognavamo un’avventura alla Ambrogio Fogar.
  • Noi che a Natale guardavamo “Il piccolo lord”, perchè lo davano fisso.
  • Noi che ridevamo se un amico rideva.
  • Noi che ridevamo se un amico piangeva!
  • Noi che abbiamo raccontato 1.500 volte la barzelletta del fantasma formaggino.
  • Noi che le scarpe nuove duravano una settimana..
  • Noi che le scarpe nuove restavano pulite un’ora!
  • Noi che la domenica con le scarpe nuove dovevamo andare alla messa.
  • Noi che alla messa ridevamo di continuo.
  • Noi che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
  • Noi che telefonavamo di nascosto.
  • Noi che non avevamo il cellulare per andare a parlare in privato sul terrazzo.
  • Noi che i messaggini li scrivevamo su dei pezzetti di carta da passare al compagno.
  • Noi che c’era la Polaroid e aspettavi che si vedesse la foto.
  • Noi che quando ritiravi le foto dal fotografo eravamo curiosi di vederle.

Leggi anche:

Noi che… anni 60

Noi che… gli anni 70

Noi che… gli anni 80

Noi che… anni 90

Noi che….. I suoni, i colori, le emozioni degli anni andati

Noi che… sportivo


Giuseppe per gli anni 80

#358

 

60′s Camel Adventures

Come abbiamo fatto a sopravvivere noi che siamo nati negli anni ' 50, ’60 e ’70?

Come abbiamo fatto a sopravvivere noi che siamo nati negli anni ’50, ’60 e ’70?

 Come abbiamo fatto a sopravvivere noi che siamo nati negli anni ' 50, ’60 e ’70?
  1. Da bambini andavamo in auto che non avevano cinture di sicurezza né airbag…
  2. Viaggiare nella parte posteriore di un furgone aperto era una passeggiata speciale e ancora ne serbiamo il ricordo;
  3. Le nostre culle erano dipinte con colori vivacissimi, con vernici a base di piombo.
  4. Non avevamo chiusure di sicurezza per i bambini nelle confezioni dei medicinali, nei bagni, alle porte;Furgone wolkswagen
  5. Quando andavamo in bicicletta o in motorino non portavamo il casco;
  6. Bevevamo l’acqua del giardino, invece che dalla bottiglia dell’acqua minerale…
  7. Trascorrevamo ore ed ore costruendoci carretti a rotelle ed i fortunati che avevano strade in discesa si lanciavano e, a metà corsa, ricordavano di non avere freni. Dopo vari scontri contro i cespugli, imparammo a risolvere il problema. Si, noi ci scontravamo con cespugli, non con auto;
  8. Uscivamo a giocare con l’unico obbligo di rientrare prima del tramonto. Non avevamo cellulari… cosicché nessuno poteva rintracciarci. Impensabile..
  9. La scuola durava fino alla mezza, poi andavamo a casa per il pranzo con tutta la famiglia (si, anche con il papà).
  10. Saturday Night Fever (colonna sonora)Ci tagliavamo, ci rompevamo un osso, perdevamo un dente e nessuno faceva una denuncia per questi incidenti. La colpa non era di nessuno, se non di noi stessi..
  11. Mangiavamo biscotti, pane olio e sale, pane burro e marmellata, la nutella, bevevamo bibite zuccherate e non avevamo problemi di soprappeso, perché stavamo sempre in giro a giocare…
  12. Condividevamo una bibita in quattro… bevendo dalla stessa bottiglia e nessuno moriva per questo, o prendeva malattie;
  13. Non avevamo Playstation, Nintendo 64, X box, Videogiochi, televisione via cavo con 99 canali, videoregistratori dolby surround, cellulari personali, computer, chatroom su Internet… Avevamo invece tanti AMICI;
  14. Uscivamo, montavamo in bicicletta o camminavamo fino a casa dell’amico, suonavamo il campanello o semplicemente entravamo senza bussare e lui era lì e uscivamo a giocare;
  15. Si! Lì fuori! Nel mondo crudele! Senza un guardiano! Come abbiamo fatto? Facevamo giochi con bastoni e palline da tennis; si formavano delle squadre per giocare una partita; non tutti venivano scelti per giocare e gli scartati dopo non andavano dallo psicologo per il trauma;
  16. Alcuni studenti non erano brillanti come altri e quando perdevano un anno lo ripetevano senza patemi e senza che i genitori protestassero e se talvolta i maestri ci “bacchettavano” sapevamo che era solo perché avevano sbagliato e così siamo cresciuti e diventati quel che siamo oggi.. “normali”. Nessuno andava dallo psicologo, dallo psicopedagogo, nessuno soffriva di dislessia né di problemi di attenzione né di iperattività; semplicemente prendeva qualche scapaccione ed era felice ugualmente;
  17. Avevamo libertà, fallimenti, successi, responsabilità e imparavamo a gestirli.

Come abbiamo fatto a sopravvivere? A crescere e diventare grandi? Perché le nuove generazioni che hanno “tutto” non sono “sane” come la nostra?


Leggi anche: 

Noi che… anni 60

Noi che… gli anni 70

Noi che… gli anni 80

Noi che… anni 90

Noi che….. I suoni, i colori, le emozioni degli anni andati

Noi che… sportivo

Anni 80

Anni 90


Beh sul fatto che siamo venuti su sani, io non ci scommetterei troppo ;)  

horsefly


Giuseppe per i “fantastici” anni 60/70

#357

 

 

Noi che… sportivo

I love sport

Noi che… sportivo

 

 I love sport
  • I love sportNoi che…finivamo in fretta i compiti per andare a giocare a pallone sotto casa;
  • noi che…costretti alla regola di “portieri volanti” o ” chi si trova para”,
  • noi che…”portieri volanti” e…”segnare da oltre centrocampo vale?” – Vale…vale tutto!
  • noi che…quando si facevano le squadre, se venivamo scelti per primi ci sentivamo davvero i più bravi, i più importanti;
  • noi che…l’ultimo che veniva scelto era sicuramente destinato ad andare in porta;
  • noi che…avevamo sempre un soprannome passibilmente infamante ma nessuno si offendeva;
  • noi che…chi arriva prima a dieci ha vinto;
  • noi che…mentre facevamo finta di non sentire il richiamo della mamma quando incombevano le tenebre, c’era sempre qualcuno che diceva: “chi segna l’ultimo vince” incurante del punteggio che magari era in quel momento 32 a 1,
  • noi che…abbiamo vissuto con terrore l’epoca delle “Espadrillas” con le quali ai piedi non si poteva giocare a pallone;
  • noi che…se avevamo ai piedi le Adidas Tampico ci sentivamo piu’ forti di Pelè;
  • noi che…invece avevamo ai piedi le Tepa Sport,
  • noi che…il pallone di cuoio sapevano come era fatto perché lo vedevamo in Tv esclusivamente ad esagoni bianchi e neri;
  • noi che…capivano il senso della seconda maglia quando in Tv bianco e nero mandavano le immagini del derby Milan-Inter
  • noi che…o il SUPER TELE (in mancanza d’altro) o l’ELITE (lo standard) o il TANGO DIRCEU se andava di lusso o nei giorni di festa
  • noi che… non potevamo sederci sul pallone altrimenti diventava ovale;
  • I love sportnoi che…il proprietario del pallone giocava sempre anche se era una schiappa e non andava nemmeno in porta;
  • noi che…anche senza la traversa non avevamo bisogno della moviola per capire se era goal. “Goal o rigore” metteva sempre tutti d’accordo;
  • noi che…al terzo corner è rigore;
  • noi che…”rigore seguito da goal è goal” ;
  • noi che…”siete dispari posso giocare?” – “Eh non lo so, il pallone non è mio (nel caso in cui il pretendente fosse uno scarso)!”;
  • noi che…”mi fate entrare?” – “Si basta che ne trovi un altro sennò siamo dispari”;
  • noi che…riconoscevamo i calciatori anche se sulla maglietta non c’era scritto il nome;
  • noi che…”Una vita da mediano” (Oriali-Ligabue) era già una filosofia di vita;
  • noi che…il n° 1 era il portiere, il n°2 ed il n°3 i terzini destro e sinistro, il n° 4 il mediano di spinta, il n° 5 lo stopper, il n° 6 il libero, il n° 7 l’ ala destra, il n° 8 una mezzala , il n° 9 il centravanti, il n° 11 l’altra punta possibilmente mancina, il n° 10 la mezzala con la fascia di capitano perchè era inevitabilmente il piu’ bravo;
  • noi che…perché un giocatore entrasse in nazionale doveva fare una trafila di 2/3 anni ad alto livello;
  • noi che…gli stranieri al massimo 2 per squadra e li conoscevamo tutti;
  • noi che…dormivamo con le figurine Panini sotto il cuscino ;
  • noi che…quando aprivamo le bustine intonse pregavamo per non trovare triplone o quadriplone PILONI ; il 2° mitico portiere della Juve che non aveva mai giocato una partita per colpa di ZOFF;
  • noi che…avevamo in simpatia Van de Korput per il nome e Bruscolotti perché sembrava più vecchio di nostro padre
  • noi che…il calcio in Tv lo guardavamo solo la Domenica ed il Mercoledì;
  • noi che…il sabato mattina eravamo terribilmente stanchi perché la sera prima avevamo visto Cesare Cadeo dopo Premiatissima;
  • I love sportnoi che…la Domenica alle 19,30 vedevamo un tempo di una partita di calcio;
  • noi che…vivevamo in attesa di 90° minuto e ci sentivamo protetti dalle figure paterne di Paolo Valenti, Necco da Napoli, Bubba da Genova, Giannini da Firenze, Vasino da Milano, Castellotti da Torino, Pasini da Bologna, Tonino Carino da Ascoli, Stroppa “riporto” da Bari o Lecce
  • noi che…la Stock di Trieste è lieta di presentarvi …papapà…papapà …papapapaaaaaa…paparapà ;
  • noi che…Ciotti :…”scusa Ameri,scusa Ameri….clamoroso al Cibali” (che nella nostra fantasia era piu’ famoso di Catania);
  • noi che…”tutta la squadra dell’ Internazionale retrocede a protezione dei 16 m” (sempre Ciotti);
  • noi che…ci ricordiamo i festeggiamenti del n. 1.000 della Domenica Sportiva;
  • noi che…alla DS potevamo vedere i servizi della serie A, i goal della serie B, il Gran Premio, Tennis. Basket e la pallavolo senza doverci sorbire ore di chiacchiere per vedere 4 goal;
  • noi che…Galeazzi l’abbiamo visto magro;
  • noi che…”il piede proletario di Franco Baresi” (Beppe Viola); “Maradona ha mano cucita sotto il piede sinistro” (Gianni Brera);
  • noi che…andavamo all’amica del cuore di quella che ci piaceva e le chiedevamo: “Dici a Maria se si vuole mettere con me?” Il giorno dopo tornava e la risposta era sempre la stessa: “Ha detto che ci deve pensare…”
  • noi che…Maria ancora ci stà pensando!
  • noi che…agli appuntamenti c’eravamo sempre tutti, anche senza telefonini;
  • noi che…oggi viviamo lontani, ma quando usciamo di casa e giriamo l’angolo speriamo sempre di incontrarci con il pallone in una busta di plastica;
  • noi che…oggi sorridiamo quando in Tv si inventano i più incredibili sondaggi tipo: “chi è stato il piu’ forte giocatore di tutti i tempi: Pelè o Maradona?” senza considerare che di Pelè abbiamo visto sempre gli stessi 4/5 goal;
  • noi che…se incontriamo per strada Biscardi vorremmo investirlo.
  • Voi che…questo giocattolo ce lo avete rotto… brutti bastardi!

Leggi anche: 
Noi che…. gli anni 10
Noi che… anni 90
Noi che… gli anni 80
Noi che… gli anni 70
Noi che… anni 60
60′s Camel Adventures
Noi che …….. eravamo bambini negli anni ‘50
Noi che… sportivo
Noi che….. I suoni, i colori, le emozioni degli anni andati
Anni 80
Anni 90


Giuseppe per lo sport.

#354

 

Noi che….. I suoni, i colori, le emozioni degli anni andati

I love 60s

Noi che….. I suoni, i colori, le emozioni degli anni andati…..

 

 I love 80s

  • anni 50Noi che giocavamo a Nascondino a tutte le ore.
  • Noi che ci divertivamo anche facendo “Strega comanda color…”.
  • Noi che le femmine ci obbligavano a giocare a “Regina reginella” e a “Campana”.
  • Noi che bastavano due tappi per iniziare il giro d’Italia.
  • Noi che facevamo “Palla Avvelenata”.
  • Noi che giocavamo regolare a “Ruba Bandiera”.
  • Noi che non mancava neanche “dire fare baciare lettera testamento”.
  • Noi che litigavamo per stabilire se un gradino valeva come “rialzo” a “Rialzo buzzico”.
  • I love 60sNoi che ci sentivamo ricchi se avevamo “Parco Della Vittoria e Viale dei Giardini”.
  • Noi che se avevi “Vicolo Corto e Vicolo Stretto” perdevi sicuro.
  • Noi che i pattini avevano 4 ruote e si allungavano quando il piede cresceva.
  • Noi che mettevamo le carte da gioco con le mollette sui raggi della bicicletta.
  • Noi che chi lasciava la scia più lunga nella frenata con la bici era il più figo.
  • Noi che “se ti faccio fare un giro con la bici nuova non devi cambiare le marce”.
  • Noi che passavamo ore a cercare i buchi sulle camere d’aria mettendole in una bacinella.
  • Noi che ci sentivamo ingegneri quando riparavamo quei buchi col tip-top.
  • I love 70sNoi che andavamo in due sulla Graziella, e piú grandi sul Ciao.
  • Noi che il Ciao si accendeva pedalando.
  • Noi che suonavamo al campanello per chiedere se c’era l’amico in casa.
  • Noi che ogni volta che suonavamo rispondeva la madre.
  • Noi che pensavamo di avere segreti.
  • Noi che i segreti li avevamo davvero.
  • Noi che abbiamo maneggiato sostanze chimiche come il pongo, il DAS e la gommapane.
  • Noi che abbiamo manipolato anche la MIKRONITE.
  • Noi che facevamo a gara a chi masticava più big babol contemporaneamente.
  • I love 80sNoi che avevamo adottato gatti e cani randagi che non ci hanno mai attaccato nessuna malattia mortale anche se dopo averli accarezzati ci mettevamo le dita in bocca.
  • Noi che quando starnutivi, nessuno chiamava l’ambulanza.
  • Noi che non sapevamo leggere il termometro.
  • Noi che prima di adoperarlo, “il termometro lo devi scaricare”.
  • Noi che i termometri li rompevamo, e le palline di mercurio giravano per tutta casa.
  • Noi che se sospettavamo che ci volevano fare la puntura, ci nascondevamo sotto il letto.
  • Noi che se c’era un pallone e 4 alberi era già tutto ok per giocare a calcio.
  • Noi che se non c’erano gli alberi si giocava lo stesso.
  • I love 90sNoi che dopo la prima partita c’era la rivincita, e poi la bella, e poi la bella della bella..
  • Noi che se passavamo la palla al portiere coi piedi e lui la prendeva con le mani non era fallo.
  • Noi che il portiere era l’1, lo stopper era il 5 e il centravanti il 9.
  • Noi che “Non puoi giocare a pallone con noi perchè siamo già pari”.
  • Noi che non dovevamo far tardi.
  • Noi che era pronta la cena proprio al momento del calcio di rigore.
  • Noi che giocavamo a pallone anche in casa, con la palla di spugna.
  • Noi che passavamo pomeriggi giocando a Risiko.
  • Noi che giocavamo a “Indovina Chi?” anche se conoscevi tutti i personaggi a memoria.
  • Noi che giocavamo a Forza 4.
  • I love sportsNoi che Scarabeo non ci piaceva.
  • Noi che il cubo di Rubik non l’abbiamo mai finito, perlomeno senza barare..
  • Noi che ci scambiavamo le figurine prima delle lezioni (e durante, e dopo..).
  • Noi che giocavamo a fiori frutta e città (e la città con la D era sempre Domodossola).
  • Noi che con le 500 lire di carta ci venivano 10 pacchetti di figurine.
  • Noi che ci mancavano sempre quattro figurine per finire l’album Panini.
  • Noi che odiavamo i PlayMobil.
  • Noi che avevamo la pista Polistil, e le femmine Cicciobello col disco che frignava.
  • Noi che avevamo le macchine filoguidate, e le femmine la casa di Barbie con l’ascensore.
  • Noi che ci spaccavamo i diti per giocare a Subbuteo.
  • Noi che con un ramo di salice facevamo l’arco per sentirci Orzowei.
  • Love isNoi che avevamo il “nascondiglio segreto” con il “passaggio segreto”.
  • Noi che nei prati al buio tra il frinire delle cicale scorgevamo ancora le lucciole (e non sapevamo sarebbero state le ultime).
  • Noi che a volte si litigava.
  • Noi che 5 minuti dopo era già tutto dimenticato..
  • Noi che “se fai questo non sei più amico mio”.
  • Noi che giocavamo per ore a “Merda” con le carte.
  • Noi che nessuno sapeva le regole del Tresette!
  • Noi che avevamo il mangiadischi schiacciato con il manico.
  • Noi che le cassette se le mangiava il mangianastri, e ci toccava riavvolgere il nastro con la penna.
  • Mafalda - QuinoNoi che in TV guardavamo solo i cartoni animati.
  • Noi che avevamo i cartoni animati belli…!!
  • Noi cha avevamo la tv in bianco e nero.
  • Noi che litigavamo su chi fosse più forte tra Goldrake e Mazinga (Mazinga, ovvio..)
  • Noi che guardavamo “La Casa Nella Prateria” anche se metteva tristezza.
  • Noi che sognavamo un’avventura alla Ambrogio Fogar.
  • Noi che a Natale guardavamo “Il piccolo lord”, perchè lo davano fisso.
  • Noi che ridevamo se un amico rideva.
  • Noi che ridevamo se un amico piangeva!
  • Noi che abbiamo raccontato 1.500 volte la barzelletta del fantasma formaggino.
  • Noi che le scarpe nuove duravano una settimana..
  • Noi che le scarpe nuove restavano pulite un’ora!
  • Noi che la domenica con le scarpe nuove dovevamo andare alla messa.
  • Noi che alla messa ridevamo di continuo.
  • Noi che ci emozionavamo per un bacio su una guancia.
  • Noi che telefonavamo di nascosto.
  • Noi che non avevamo il cellulare per andare a parlare in privato sul terrazzo.
  • Noi che i messaggini li scrivevamo su dei pezzetti di carta da passare al compagno.
  • Noi che c’era la Polaroid e aspettavi che si vedesse la foto.
  • Noi che quando ritiravi le foto dal fotografo eravamo curiosi di vederle.

Questo per girare un po’ il coltello nella piaga.


Leggi anche:

Noi che… anni 60

Noi che… gli anni 70

Noi che… gli anni 80

Noi che… anni 90

Noi che….. I suoni, i colori, le emozioni degli anni andati

Noi che… sportivo


Giuseppe per il NOSTOS

#353

 

Anni 80

Gli anni 80

Sei figlio/a degli anni ’80 se:

 Gli anni 80
1) almeno una volta nella vita ti sei chiesto cosa fosse di preciso un “razzomissile” e come funzionassero i “circuiti di mille valvole”
2) almeno per una volta ti sei chiesto per quale misteriosa legge fisica, Mimì riuscisse a far scomparire il pallone e a farlo riapparire a cazzo sul campo di pallavolo… e sempre rigorosamente dentro la linea.
3) ti sei chiesto almeno una volta quanto fosse alta la rete del suddetto campo.
4) o quanto fosse lungo il campo di Holly & Benji dal momento che si vedeva la linea dell’orizzonte.
5) ti ricordi di Licia Colò che, al posto di parlar con gli orsi bianchi, parlava coi cani rosa.
6) ti ricordi di quando Gerry Scotti era ancora un dj.
7) hai ballato almeno una volta Reality (del tempo delle mele) a distanza di sicurezza e sotto la sorveglianza di insegnante o genitore che sia. Magari con una scopa in mano.
8) ti sei incazzato almeno una volta perché tua madre non ti ha comprato l’Allegro Chirurgo.
9) ricordi quando le Barbie non subivano ancora mutazioni genetiche bagnandole con l’acqua calda o fredda.
10) ti ricordi di giocattoli geniali come il Forno Harbert, la Macchina per lo zucchero filato Harbert, la Gelatiera Harbert, la Macchina dei popcorn Harbert…
11) il tuo idolo a colazione era un malato di mente romanista con il fantasioso nome di Mago Galbusera.
12) a furia di biscottini del Malato di Mente Galbusera anche casa tua sembrava un covo romanista: a colazione indossavi una tuta rossa e gialla, prendevi i biscotti da una biscottiera rossa e
gialla, li inzuppavi nel latte in una tazzona da 3 litri rossa e gialla…
13) non sei mai riuscito a completare il Cubo di Rubik.
14) baravi staccando le etichette colorate del Cubo di Rubik.
15) baravi staccando i cubetti del Cubo di Rubik perchè le etichette non si incollavano più.
16) ti ricordi quando le sorpresine non erano dentro gli ovetti, ma nelle merendine. E non si collezionavano. Si perdevano.

17) ti ricordi quando al piccolo Mugnaio Bianco Clementina (comprensibilmente) dava il due di picche (Sarà per via delle dimensioni? Una generazione di uomini con l’incubo delle misure per colpa dei pubblicitari?).
18) ti ricordi quando a scuola si spacciavano le gomme profumate.
19) ogni volta che pigli un traghetto ti viene in mente Gopher e ti metti sul ponte a canticchiare: “Mare profumo di mareeee… con l’amore io voglio giocareeee…”
20) hai creduto almeno una volta in vita tua che i Righeira fossero davvero fratelli.
21) ti ricordi quando Paolo Rossi era ancora il nome di un calciatore.
22) ti ricordi quando il Milan era in serie B e l’Inter vinceva ancora gli scudetti.
23) ed infine… sei in grado di completare la seguente frase: “…arriva presto, finisce presto e di solito non pulisce il…”

Leggi anche: 

Noi che… anni 60

Noi che… gli anni 70

Noi che… gli anni 80

Noi che… anni 90

Noi che….. I suoni, i colori, le emozioni degli anni andati

Noi che… sportivo


Giuseppe per gli anni 80

#352

Cattivi Pensieri – Inconquistabile

Cattivi Pensieri - Inconquistabile

Cattivi Pensieri – Inconquistabile

 Cattivi Pensieri - Inconquistabile


Cattivi Pensieri – Inconquistabile TESTO
Toccare il cielo con un dito
Ballare a piedi nudi qui con te
Restare sempre un po’ in attesa
Tu sei talmente irraggiungibile
Che caldo da Africa
Che bello se nevica
E’ un’altalena questa storia in catena
Non e’ matematica
Ma adesso ci capita
Ti guardo negli occhi e mi sento che diventi realta’
Inconquistabile
Tu non sai quanto io ti vorrei
Amore tu sei inevitabile
Ad occhi chiusi ti inventerei…
Parlare di qualsiasi cosa
Amarsi come chiusi in scatola
Andare in giro per la strada
Trovare insieme la felicita’
Che caldo da Africa
Che bello se nevica
E’ un’altalena questa storia in catena
Non e’ matematica
Ma adesso ci capita
Ti guardo negli occhi e mi sento che diventi realta’
Inconquistabile
Tu non sai quanto io ti vorrei
Amore tu sei inevitabile
Ad occhi chiusi ti inventerei
Oh…tu sei inconquistabile
Sei tutto il mondo che io vorrei
Amore tu sei inevitabile
Sei il primo giorno d’estate sei…

I Cattivi Pensieri sono stati un gruppo musicale italiano, attivo dal 1994 al 2000. Raggiunsero una notevole popolarità con il brano Emozione, vincitore della sezione giovani della manifestazione Un disco per l’estate del 1996. (da wikipedia). Peccato che questo gruppo non abbia avuto il successo che meritava, Cinzia è davvero incantevole in queste canzoncine easy listening. :)  Firma


Giuseppe per la musica minore

#141

 

Copyright © All Rights Reserved · Green Hope Theme by Sivan & schiy · Proudly powered by WordPress